AbruzzoLancianoPolitica

Sul bilancio di previsione in comune a Lanciano le critiche dell’ex vice sindaco Verna

"Nessun investimento per le scuole"

«La messa in sicurezza del territorio, delle scuole e dell’ambiente non è una priorità per la giunta Paolini». Il consigliere di Azione Lanciano, Giacinto Verna, commenta così la bocciatura, da parte della maggioranza di centrodestra, degli emendamenti al bilancio di previsione 2022 presentati dall’opposizione consiliare.

«Qualsiasi amministrazione non può rinunciare ad investire nella sicurezza delle scuole», evidenzia Verna, «va bene la bonifica dell’amianto, per cui in bilancio sono destinati fondi in parte derivanti da un finanziamento regionale e in parte da un mutuo comunale, ma mancano del tutto investimenti per l’adeguamento sismico degli edifici scolastici, come ci chiede anche l’Europa con il Pnrr. Oltre a non esserci investimenti in progetti di efficientamento energetico e adeguamento sismico, salvo quelli lasciati in eredità dalla precedente amministrazione comunale, nel triennale delle opere pubbliche non ci sono nemmeno risorse per la manutenzione ordinaria e straordinaria delle scuole comunali. Nella passata consiliatura, come maggioranza, abbiamo investito 400mila euro sia nel 2021 sia nel 2020 e 300mila euro nel 2019».

L’unico altro investimento sulle scuole è il raddoppio degli spazi alla scuola primaria Giardino dei Bimbi all’Iconicella. «Un progetto sul quale stava ragionando anche la precedente amministrazione», puntualizza Verna, «non prima, però, di aver fatto l’adeguamento sismico della parte già esistente: le normative impongono di programmare l’adeguamento strutturale, a maggior ragione se la scuola, come quella dell’Iconicella, è individuata come edificio strategico in caso di emergenza».

Altro tema fondamentale è quello del rischio idrogeologico. «La precedente amministrazione ha creduto e investito nella messa in sicurezza della città», afferma il consigliere di Azione, «l’attuale amministrazione, a mio parere, non la tiene invece nella giusta considerazione. Altrimenti, dopo aver perso il finanziamento della legge 160/2019, avrebbe accolto il nostro emendamento per finanziare con 600mila euro l’incarico per un progetto esecutivo e definitivo sugli interventi necessari al consolidamento e alla messa in sicurezza del centro città, così da essere pronti ad accedere a qualsiasi canale di finanziamento. Anche in questo caso, nel triennale, non ci sono investimenti per il dissesto idrogeologico né tantomeno risorse per la manutenzione straordinaria delle rete idraulica, necessaria come dimostra quanto recentemente accaduto in via Dei Bastioni».

La messa in sicurezza ambientale è, infine, l’altro cardine. «Se “transizione ecologica” non sono due parole vuote, allora bisogna continuare ad investire nella bonifica della discarica di Serre», sostiene Verna, «i 320mila euro del 2° lotto non sono stati ancora finanziati perché – lo apprendiamo dall’assessore Paolo Bomba – i lavori del 1° lotto sono fermi. E questo a 10 mesi dall’insediamento dell’amministrazione Paolini e a 10 mesi dalla firma del contratto tra il Comune e la ditta appaltatrice. Rispetto a una Regione a trazione Fratelli d’Italia-Lega che continua ad investire solo sulle discariche, come dimostra l’approvazione dell’ampliamento dell’impianto di Cerratina, senza puntare nei fatti sull’economia circolare, come si pone l’amministrazione Paolini? Mi chiedo se, pur facendo parte della stessa corrente politica di quella regionale, l’amministrazione comunale di Lanciano sia tenuta in debita considerazione su questo importante tema. Il silenzio di alcuni amministratori, che fino a pochi mesi fa erano fermi sostenitori del “no” all’ampliamento, mi fa pensare che non siano stati proprio avvisati».

«Mi auguro arrivino finanziamenti a iosa per la nostra città», conclude il consigliere Verna, «perché è l’unica maniera per salvare dalla poca lungimiranza e capacità di programmazione questa amministrazione comunale. Che, badi bene, non può puntare tutto sul Pnrr: nel caso questi fondi non dovessero arrivare o arrivassero in minima parte, come potrà risolvere i problemi strutturali e atavici che da sempre attanagliano la nostra città?».

 

Articoli Correlati

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker