AbruzzoCultura e SpettacoliL'Aquila

Riapre il MAXXI L’Aquila con novità ed eventi, a partire dalla mostra internazionale Afterimage

È pronto a stupire ancora il MAXXI L’Aquila che, sabato 2 luglioapre le porte per tornare ad accogliere visitatori e curiosi con la nuova mostra collettiva Afterimage. 


Con 26 artisti internazionali e diverse generazioni a confronto, 
Afterimage curata da Bartolomeo Pietromarchi, direttore MAXXI L’Aquila e Alessandro Rabottini, curatore ospite, propone un percorso narrativo che pone in dialogo nuove commissioni concepite per l’occasione con importanti prestiti e con opere della Collezione MAXXI tra pittura, scultura, fotografia, installazione, video e sperimentazione digitale.

È analizzando il titolo che si può azzardare su quale sia l’obiettivo della mostra. Con il termine Afterimage si intende una immagine che continua ad apparire negli occhi dopo un periodo di esposizione all’immagine originale. È una sorta di illusione ottica, che si verifica in quanto l’attività fotochimica nella retina continua anche quando gli occhi non sperimentano più lo stimolo originale. Lascia dunque curiosità un titolo del genere e porta a pensare che il vero scopo della mostra sia innescare nello spettatore una riflessione su ciò che è e ciò che non è, sulle molteplici forme con cui il passato persiste e vive con noi e in noi.

Ma non è tutto.

Oltre a Afterimage, fino al 4 settembre sarà aperta al pubblico la mostra documentaria di NXT che presenta le quattro proposte progettuali sottoposte alla giuria dell’omonimo programma, promosso dalla Fondazione MAXXI con il sostegno e il patrocinio del Comune dell’Aquila, dedicato alla promozione di una giovane generazione di architetti di talento e alla valorizzazione dello spazio pubblico.

E l’intenso cartellone di eventi non finisce qui. Infatti, dal 1° Luglio su Spotify è possibile ascoltare le prime due puntate della nuova serie podcast L’Aquila Fenice, prodotta da Spotify Studios in collaborazione con Chora Media e MAXXI. Anche in questo caso, il titolo è simbolico: la serie, infatti, è dedicata all’Aquila e alle vicende della città, dal sisma del 2009 ad oggi con una riflessione sul futuro e sulla sua costante trasformazione. 6 puntate per condividere riflessioni, ricordi e speranze sulla città in metamorfosi.

Nella giornata del 2 luglio, invece, giorno di opening, sono in programma due appuntamenti del ciclo Conversazioni d’autore. I protagonisti della mostra Afterimage, moderati dai curatori Bartolomeo Pietromarchi e Alessandro Rabottini assieme a Fanny Borel dell’ufficio curatoriale del MAXXI L’Aquila, incontrano il pubblico per raccontare le opere esposte nel nuovo allestimento. Il primo dei due incontri si svolgerà alle ore 12 con gli artisti Luca Monterastelli, Francesco Arena e Massimo Grimaldi. Nel pomeriggio, alle 15, sarà la volta di Varga Paloma Weisz, Hana Miletić e June Crespo. Entrambi gli incontri si terranno nella Sala Polifunzionale del Museo con ingresso gratuito fino a esaurimento posti.

Articoli Correlati

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker