AbruzzoL'Aquila

L’Aquila, “Stop Tampon Tax”: approvata la mozione in Consiglio comunale

Assorbenti scontati nelle farmacie comunali. E’ la richiesta al centro della mozione presentata dal consigliere Pd Stefano Albano in collaborazione con Eva Fascetti, portavoce aquilana delle Donne Democratiche, e approvata all’unanimità dall’assise comunale.

Il provvedimento arriva dopo il taglio dell’Iva dal 22 al 10% sugli assorbenti femminili incluso nella legge di Bilancio 2022, che impegna il comune a contrastare la cosiddetta “povertà mestruale” attraverso agevolazioni economiche rivolte alle fasce più deboli per i beni igienici femminili.

Gli sconti saranno applicati di concerto con l’afm e sulla base di un’analisi qualitativa delle categorie economicamente a rischio da condurre in collaborazione con enti locali e Regione. 

La mozione si ispira a due iniziative nazionali – hanno spiegato Albano e Fascetti – il Tampon Tax tour, promosso dalla consigliera fiorentina dem Laura Sparavigna che, dallo scorso luglio, ha mappato circa 200 comuni e 9 regioni che hanno già facilitato l’accesso ai prodotti igienico-sanitari femminili con misure locali, e la campagna per l’abbattimento fiscale su tali prodotti Il ciclo non è un lusso che ha raccolto più di 600mila firme”.

“Grazie all’impegno dell’intergruppo parlamentare per le donne, in legge di bilancio è stata inserita la riduzione dell’Iva al 10%, – hanno continuato – un passo in avanti che tuttavia non centra l’obiettivo finale: l’applicazione dell’aliquota minima del 4% per equiparare i prodotti mestruali ai generi di prima necessità. Si tratta di una battaglia sociale economica e culturale che da oggi, finalmente, vede impegnata e schierata anche la nostra città“.

L’iniziativa ha, inoltre, raccolto il plauso dell’assessorato alle pari opportunità che si è impegnato ad adottare iniziative di sensibilizzazione sul tema, nell’ambito delle proprie competenze.

Beatrice Tomassi

Articoli Correlati