AbruzzoL'Aquila

AQ: inaugurate le Targhe in memoria dei magistrati Pasquale Colagrande e Mario Tradardi.

Tornano nel Palazzo di Giustizia a L’Aquila le Targhe marmoree in memoria dei magistrati Pasquale Colagrande, vittima della ferocia nazifascista, e Mario Tradardi, patriota della gloriosa Brigata Maiella.

Mario Tradardi, Sostituto procuratore del Regno presso il Tribunale dell’Aquila, si arruolò tra i Patrioti della Brigata Maiella, per risalire l’Italia e liberarla dall’invasore nazifascista. Scelse sempre di combattere in prima linea, morì nel 1944 durante la Battaglia di Monte Mauro.

Pasquale Colagrande, nato all’Aquila il 7 marzo 1911, giovane magistrato, fu inviato a Ferrara come Sostituto procuratore magistrato del Re. Alla caduta del fascismo, dopo il 25 luglio fece liberare tutti i detenuti politici ed ebrei. Ma questo gesto di giustizia e umanità non gli fu perdonato dai fascisti che, dopo l’8 settembre, lo arrestarono condannandolo a morte. Nonostante la possibilità di evadere, scelse di morire con i suoi compagni di ideali e di prigionia e nella notte del 14 novembre 1943 venne fucilato a Ferrara.

Vite segnate da libertà, giustizia e solidarietà. Valori ribaditi nel corso della cerimonia di inaugurazione delle Targhe, breve ma densa di emozioni e significato.

Le Targhe, che già prima del terremoto del 2009 erano nei corridoi del Tribunale, ora sono state posizionate nelle Aule d’Udienza al piano -1 del Palazzo di Giustizia: nei luoghi in cui si esercita, in nome del popolo italiano, quella Giustizia e quel rispetto del Diritto che il Fascismo aveva negato e che i due magistrati incarnarono fino al loro ultimo sacrificio.

L’ANPI dell’Aquila, in collaborazione con le Autorità giudiziarie, la Fondazione Carispaq e la Municipalità aquilana, ha ripristinato le Targhe, sotto il sollecito di Arnaldo Ettorre, Presidente onorario della Brigata Maiella e storico cancelliere del Tribunale aquilano.

Alla cerimonia hanno partecipato Fabrizia Ida Francabandera, Presidente della Corte d’Appello, Tommaso Cotellessa, Segretario dell’Anpi dell’Aquila, Pierluigi Biondi, sindaco dell’Aquila, e Fabrizio Marinelli, della Fondazione Carispaq.

Beatrice Tomassi

 

 

 

Articoli Correlati