AbruzzoLancianoSociale

Il Rotary Club Lanciano-Costa dei Trabocchi dona due tavoli da ping pong al carcere.

Una prima iniziativa che rappresenta solo l'inizio di un più articolato progetto concepito dal Club in sinergia con la struttura penitenziaria.

E’ ripresa questa mattina l’attività di service del Rotary Club Lanciano-Costa dei Trabocchi con un service presso la Casa Circondariale di Lanciano.
Alla presenza del Direttore  del carcere Mario Silla, della Sovraintendente del Capo della Polizia Penitenziaria Rita Cericola, dell’Ispettore di Polizia penitenziaria Pellegrino Gaeta e del capo dell’Area Educativa  Tommaso Rossi, il Club il club ha donato ai detenuti due tavoli da ping pong.
L’iniziativa, sottolinea la presidente Barbara Rosati,  rappresenta solo l’inizio di un più articolato progetto concepito dal Rotary Club Lanciano-Costa dei Trabocchi in sinergia con la struttura penitenziaria che si svilupperà per un biennio e che, con il patrocinio della prefettura e della Camera penale di Lanciano, sarà articolato su più livelli fra i quali, sottolinea la Rosati, ci piace ricordare l’impegno nel mondo  scolastico nel far conoscere la vita “dentro” ed educare i giovani alla legalità attraverso una partecipazione attiva.
L’emergenza Covid ha creato una situazione di profondo disagio tra i detenuti , la cronaca di questi giorni racconta di  situazioni di tensione quotidiana.
Il Rotary Club Lanciano Costa dei Trabocchi recepirà , nell’ambito del progetto così come articolato, le necessità  dei detenuti e si attiverà per la creazione di corsi professionali, corsi di lingue, creazione di sportello psicologico anche per personale penitenziario.
L’obiettivo  del Rc Lanciano Costa dei Trabocchi è quello di affrontare, concretamente,  la annosa questione della funzione rieducativa della pena che “mai può violare i senso di umanità”, evidenziare le effettive condizioni della vita di un detenuto nella struttura penitenziaria, far comprendere le difficoltà quotidiane vissute dal corpo della Polizia Penitenziaria ed alimentare nei confronti di quest’ultima un sentimento di rispetto e di fiducia, ed ovviamente educare i giovani alla legalità.
Il contributo del Club, conclude,  non ha valenza politica ma culturale e sociale“.

Articoli Correlati