AbruzzoL'Aquila

Movida a L’Aquila: divieto di consumo di alcol negli spazi pubblici del centro storico.

Il sindaco dell’Aquila, Pierluigi Biondi, ha emesso una nuova ordinanza per garantire in modo ancora più efficace la tutela del decoro e della vivibilità in città e nel territorio.

Niente bevande alcoliche in ogni spazio pubblico del centro storico della città, senza limiti di orario.

Un divieto che riguarda, in particolare, la Scalinata e i Portici di San Bernardino, Piazza Santa Maria di Paganica, Piazza Santa Margherita o dei Gesuiti, Piazza San Biagio, Piazza della Repubblica o della Prefettura, Piazza San Basilio, Piazza Nove Martiri.

Non solo, l’ordinanza si applica anche a tutte le aree di verde pubblico pertinenti il centro storico: Parco del Sole, Piazzale di Collemaggio, Parco del Castello, Villa Comunale, Porta Branconia, Parco UNICEF, Parco delle Acque.

Insomma, in breve, sono interessati dal provvedimento tutti i luoghi della movida aquilana.

Fanno eccezione le aree e gli spazi appositamente attrezzati o adibiti alla somministrazione o al consumo di alimenti, incluse le aree in concessione ai pubblici esercizi autorizzati alla somministrazione e quelle immediatamente vicine, fermo restando il divieto di consumare bevande in contenitori di vetro al di fuori del servizio al tavolo.

La sanzione in caso di mancato rispetto dell’ordinanza arriva fino a 500 euro.

Il provvedimento nasce dalla volontà di tutelare il decoro del capoluogo.

Con l’entrata dell’Abruzzo in zona bianca, sono sempre più le persone che partecipano alla vita dei luoghi della movida. “Un fenomeno che determina, in alcuni casi, l’abuso di alcol che genera, come noto, comportamenti irriguardosi verso lo spazio pubblico, in termini di pulizia, di igiene, di attenzione verso gli arredi urbani, provocando una situazione di degrado avvilente per i residenti, i turisti e gli stessi gestori dei locali”, ha spiegato il sindaco.

“Questo provvedimento è frutto del ragionamento e del confronto avuto nei giorni scorsi insieme al vice sindaco, Raffaele Daniele e all’assessore Fabrizio Taranta, con i rappresentanti delle associazioni di categoria. – ha continuato il primo cittadino – Riunione a cui ha partecipato anche Asm che ha assicurato l’implementazione dei contenitori per il vetro a servizio di bar, pub e ristoranti nonché un aumento delle attività di pulizia e sanificazione nei luoghi maggiormente frequentati dagli avventori della movida”.

Dopo lunghi mesi di sacrifici occorre mantenere comportamenti corretti. Al contempo le libertà ritrovate, le possibilità di incontro e la riscoperta socialità non possono pregiudicare il decoro cittadino né diventare un’occasione per eccedere, arrecando disturbo a residenti, a quanti scelgono di uscire per una semplice passeggiata e persino alle stesse attività commerciali che hanno bisogno di poter tornare a lavorare con serenità”, ha concluso il sindaco dell’Aquila, Pierluigi Biondi.

Beatrice Tomassi

 

Mostra di più

Articoli Correlati