AbruzzoChietiCultura e Spettacoli

Chieti Festa di San Giustino, per il secondo anno, con le restrizioni Covid

CHIETI-  Tutto pronto per le feste patronali in onore di San Giustino. Le celebrazioni saranno, anche quest’anno, ristrette a causa dell’emergenza sanitaria da Covid 19, ma non per questo meno importanti. La messa in onore del Santo sarà celebrata martedì 11, alle 11.30, nella cattedrale di San Giustino da monsignor Bruno Forte, arcivescovo della diocesi di Chieti – Vasto, alla presenza del cardinale Pietro Parolin, segretario di Stato del Santo Padre, che ha accolto l’invito di Monsignor Forte. Il comune ha rimandato le iniziative e gli  eventi civili a quando la pandemia lo consentirà ma ha organizzato un momento di ringraziamento a chi ha consentito lo svolgimento degli screening anticovid. Nel pomeriggio di martedì, alle ore 15.30, nel ridotto della Deputazione teatrale del Marrucino, si svolgerà la consegna di attestati di riconoscenza a tutti coloro che hanno contribuito alla buona riuscita degli screening della popolazione che si sono tenuti nei mesi di febbraio e marzo. «Si tratta di un pubblico ringraziamento- spiega il sindaco Diego Ferrara-  che abbiamo dovuto rimandare fino a oggi per via dell’evolversi dei contagi sul territorio e delle restrizioni che impedivano lo svolgimento in sicurezza anche di un atto semplice, ma ufficiale. Abbiamo così pensato di associare alla festa del Santo Patrono questo gesto, in modo da renderlo simbolico e, magari, foriero di eventi in tal senso più strutturati per il futuro e per questa ricorrenza. Ai volontari, alle associazioni, a tutti i soggetti che ci hanno supportato nell’organizzazione degli screening verrà consegnata una pergamena con un pubblico grazie, come risposta a un impegno che ha consentito di fotografare la situazione dei contagi in città in un momento delicatissimo nell’evoluzione della pandemia». Con un’ordinanza, il primo cittadino ha intanto autorizzato il mercato del martedì in piazza Garibaldi. Una decisione che scaturisce dall’interpretazione della normativa, che consente le vendite mercatali, e dalla necessità di dare supporto alla categoria, rimasta a lungo ferma. Nulla cambia per i negozi che potranno scegliere di restare aperti, mentre i Centri commerciali resteranno chiusi solo nella giornata di martedì.
Daniela Cesarii
Mostra di più

Articoli Correlati