AbruzzoPescara

Pescara. Bimbo nasce sul treno sull’intercity notte Torino-Lecce con l’aiuto del capotreno

Sul treno anche i fratellini gemelli del neonato, Stanno tutti bene.

PESCARA- Bimbo nasce su un intercity: una storia che sembra tanto la trama di un film e invece è tutto vero. Un’avventura a lieto fine quella di una donna che viaggiava sull’intercity notte Torino-Lecce e che ha dato alla luce il suo terzo figlio in piena notte alla stazione di Pescara dove il treno si era fermato per far  salire a bordo il pesonale del 118. Il bimbo è nato alle 04.20 con l’aiuto straordinario della capotreno. E’ Trenitalia a raccontare sul sito FsNews come è andata riportando il racconto della capotreno Greta Cirillo. «Quello che da lì a poco sarebbe diventato un neopapà – si legge sul sito- aveva chiesto assistenza nei pressi della stazione di Pescara centrale, parlando in lingua inglese e in un modo comprensibilmente agitato. Subito dopo aver capito che il motivo di tanta preoccupazione era la compagna incinta seduta in carrozza, la capotreno ha constatato le condizioni delicate della viaggiatrice e ha attivato i flussi di comunicazione previsti per l’intervento dapprima del medico a bordo e a seguire del pronto intervento». Greta però non si è limitata a chiedere aiuto ma assieme al capostazione, Augusto Lancianese, si è prodigata nel dare supporto e rassicurazioni alla viaggiatrice, cercando di metterla a suo agio. A pochi istanti dall’arrivo del 118, alla donna si sono rotte le acque. Allora il personale medico, salito a bordo, ha deciso di far partorire immediatamente la donna. «Alcuni minuti di privacy – si legge ancora- sono stati lasciati ai genitori che viaggiavano in compagnia dei propri figli, due gemellini di circa un anno, poi l’intera famiglia è stata trasferita nell’ospedale di Pescara». «Ho provato una profonda emozione – ha confidato Greta Cirillo – e credo che in un periodo storico buio come questo, sia un fortissimo spiraglio di luce per tutti». Trenitalia ha fatto sapere che invierà in regalo alla famiglia un cappello da capotreno per tenere vivo il ricordo di quei momenti straordinari.
Daniela Cesarii
Mostra di più

Articoli Correlati