AbruzzoCronacaCultura e SpettacoliEconomia

A Ortona una stagione estiva diversa dalle altre

Le proposte dei consiglieri Giorgio Marchegiano ed Emore Cauti: " incentivare i visitatori a scegliere Ortona"

ORTONA- La stagione estiva appena iniziata non può essere considerata al pari delle precedenti.
La pandemia da Covid 19 ha rivoluzionato il nostro modo di vivere: molte famiglie hanno difficoltà economiche, i flussi turistici sono destinati a crollare. Sulla scorta di queste considerazioni il gruppo civico di minoranza, Ortona cambia, con i consiglieri Giorgio Marchegiano ed Emore Cauti, ha proposto l’adozione di alcune misure. La prima proposta è quella di rendere gratuite, per l’intera estate, le soste nel litorale e nel centro urbano della città: «A nostro parere- spiegano i consiglieri Marchegiano e Cauti- questa soluzione può rappresentare da un lato un sostegno alle famiglie ortonesi, dall’altro un incentivo per i visitatori a scegliere Ortona e, di conseguenza, a spendere i propri soldi nelle attività turistiche e nei negozi del nostro territorio». Nell’ipotesi in cui la proposta non dovesse essere accolta, l’invito di Ortona cambia all’amministrazione a guida del sindaco, Leo Castiglione, è di ridurre almeno le tariffe: «Solo per fare un esempio a noi vicino- rimarcano i consiglieri- quest’estate nel comune di Francavilla al mare l’abbonamento per i parcheggi a pagamento costerà 30 euro al mese e 55 euro per l’intera stagione, mentre ad Ortona, secondo le tariffe imposte dalla giunta, il costo sarebbe di 120 euro al mese. I conti e temiamo anche i turisti, ancora una volta, non tornerebbero». In merito al cartellone degli eventi estivi, Ortona cambia avanza anche qui una sua proposta per sostenere gli artisti ortonesi e gli operatori del mondo dello spettacolo che, a causa dell’emergenza sanitaria, stanno attraversando una profonda crisi: «Chiediamo che l’amministrazione comunale coinvolga con decisione le compagnie teatrali, le band, i musicisti e gli artisti della nostra città. Oltre a garantire ossigeno e risorse economiche, questa misura sarebbe il giusto riconoscimento per chi dedica la propria esistenza a riempire di bellezza la vita di tutti» concludono Marchegiano e Cauti.
Daniela Cesarii
Tags
Mostra di più

Articoli Correlati