AbruzzoCronaca

Arriva il decreto numero 41, sono consetiti gli spostamenti nelle altre regioni

Il decreto riguarda al momento solo coloro che risiedono in province o comuni collocati al confine tra l’Abruzzo e la regione delle Marche

E’ arrivato il via libera agli spostamenti fuori regione.  Anche in Abruzzo infatti saranno possibili i trasferimenti nei comuni vicini delle regioni confinanti. Il governatore Marco Marsilio ha firmato il decreto 41 che consente, da sabato 23 maggio, gli spostamenti anche al di fuori della regione nei limiti della provincia o del comune confinante.

La Regione ha precisato che il decreto riguarda al momento solo coloro che risiedono in province o comuni collocati al confine tra l’Abruzzo e la regione delle Marche, non quindi contrariamente, a quanto non era stato reso noto prima, il Lazio ed il Molise. Nel decreto si specifica anche che le eventuali violazioni delle disposizioni comportano l’applicazione della sanzione amministrativa di 400 euro (art. 4, comma 1, del decreto-legge 17 marzo 2020, n. 19).

Gli spostamenti sono validi se lo stesso provvedimento viene adottato contestualmente dalle altre regioni, che in questo caso sono solo le Marche. Il governatore del Lazio, Zingaretti, si è infatti opposto agli spostamenti e il Molise non lo ha condiviso perché vuole aspettare dopo il caso dei contagi avvenuti a Campobasso e diffusi anche a Vasto.

Prima di spostarsi occorre quindi una comunicazione congiunta da parte dei presidenti delle Regioni, dei presidenti delle Province o dei sindaci dei Comuni tra loro confinanti ai prefetti competenti.

 

Mostra di più

Articoli Correlati