AbruzzoCronacaLanciano

Salta il bagno al mare dei Trabocchi ma la protesta contro Salvini era già in atto

Sulla spiaggia che avrebbe dovuto ospitare il "Capitano " bigliettini offensivi e lanci di pietre ed escrementi

Crisi di governo, tutto annullato. Il ministro Salvini oggi sarebbe dovuto arrivare fra i trabocchi. Un tuffo nella bella spiaggia della “Fulgitella”, ora stabilimento Twin Beach, 5 palme bianche riservate in ambiente shabby chic, e pranzo sul trabocco Punta Punciosa, nel comune di Rocca San Giovanni di fronte allo stabilimento Cavalluccio.

Una  mattinata refrigerante rovinata dalla crisi di governo sul voto alla TAV. Il ministro arriverà in serata a Pescara per un comizio pubblico senza aver goduto di un bagno in mare. Non era chiaro se fosse un momento privato, se i gionalisti avrebbero potuto avvicinarlo, la statale 16 in quel tratto sarebbe rimasta chiusa, questo era stato annunciato. Chiudere la statale l’8 di agosto non era poi una così bella idea ma, del resto, si tratta pur sempre del vice premier segretario del primo partito italiano al momento. Per fotografarlo insieme alla fidanzata, figlia di Verdini Forza Italia, alcuni pensavano ad un “approdo” via mare o si erano affidati ad amici che hanno in quella spiaggia un ombrellone affittato.

E invece nulla di fatto ma una sorpresa è comunque arrivata in mattinata. Il titolare dello stabilimento, il procuratore sportivo ed imprenditore Donato Di Campli ha infatti denunciato sulla sua bacheca Facebook che nel corso della notte qualcuno avrebbe lanciato escrementi e pietre sulle brandine che avrebbero dovuto ospitare Salvini. Inoltre hanno attaccato bigliettini sulla passerella in legno dove si leggono frasi del tipo: “Salvini al mare noi a lavorare” e ancora ” Salvini al TwinBeach e la gente senza spicci”.

 

 

Tags
Mostra di più

Articoli Correlati