CronacaLanciano

Incidente sul raccordo A1, deceduta una donna di Lanciano

Tornavano verso casa. In macchina erano in tre. La sorella operata all'ospedale Maggiore è in condizioni critiche, il cognato non sarebbe in pericolo di vita

La tragedia è avvenuta ieri pomeriggio intono alle 16,30 nel tratto di raccordo tra la A1 e A14. A perdere la vita dopo il trasporto in ospedale a Bologna in codice rosso, Anna Iocco 73 anni di Lanciano.

Adriana e Anna Iocco

Al momento dell’incidente con lei, che stando ai primi racconti viaggiava sul sedile posteriore della Hyundai Atos, la sorella Adriana e il cognato Giulio Bomba.  Secondo quanto ricostruito dalla Polizia stradale, intervenuta sul posto assieme ai sanitari del 118, con tre ambulanze e una automedica, all’origine dell’impatto multiplo tra i mezzi, tutte automobili , ancora da chiarire la dinamica, ci sarebbe  un rallentamento per coda.

I tre erano di ritorno da Pisa, prima erano stati anche a Milano dove negli anni 60 la famiglia Bomba aveva abitato per tanto tempo. Della mattina le foto pubblicate sui social dalle due sorelle all’ombra della Torre, in giro per shopping e felici al ristorante.  Giulio, cognato della vittima, è molto conosciuto in città per le sue battaglie per la sanità pubblica. Nei primi anni 2000 fondò la cittadella del volontariato e le sue battaglie per la promozione e la sensibilizzazione della donazione degli organi sono note a tutti in città. Fu anche responsabile dell’ufficio comunicazioni sociali dell’allora vescovo Ghidelli e promotore dell’incoronazione della Madonna del Ponte, Regina del popolo Frentano.

Giulio Bomba

Dei tre Giulio è quello che desta meno preoccupazioni dal punto di vista clinico. Adriana, l’adorata moglie è invece in condizione più critiche. Ha già subito un intervento.

Mostra di più

Articoli Correlati